Libri da scoprire

Leonid Fisenko

Ode di scarafaggio | Libro di filastrocca

Una lettura facile per gli adulti e i bambini magari accompagnati dai genitori

pagine 100
euro 10,00
genere: Poesia
pubblicato: 2013
ISBN 978-88-6740-428-5


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

“Capita che i pensieri, invece di scorrere in modo piatto e indifferente, acquistino di colpo un ritmo, le parole si accoppino a rime e le frasi si organizzino nelle strofe. Non è una poesia, non ancora. Quel che viene è un po’ troppo infantile e non sufficientemente presuntuoso. Significa, semplicemente, che in testa si è risvegliato qualcosa di spontaneo e incontrollabile, qualcosa di preistorico, che forse già esisteva, quando non esisteva ancora il cervello. Cosa sarebbe? Gli scarafaggi! Si sono messi in moto e hanno cominciato la loro inquieta danza. Sempre più veloce, la danza batte nelle tempie, minacciando di far scoppiare il cranio, tappa le orecchie, fa saltare gli occhi fuori dalle orbite, spinge la mano a cercare istintivamente una penna. È così che nasce una filastrocca.”

In copertina un’opera di Irina Salgus
Leonid Fisenko

Il vostro parere   » 7 «

(puoi aggiungere il tuo con il modulo qui sotto)

Ho letto questo piccolo volume con molta curiosità e mi sono rapportata con piacere con una letteratura di migrazione completamente diversa da quella che generalmente si trova nelle librerie (penso, per esempio, ad Amara Lakhous). Sono rimasta favorevolmente colpita da alcuni concetti, alcuni dei quali non sono per bambini, ma soprattutto dalla modalità di espressione, che non è in poesia, scelta che sarebbe forse risultata più originale di un romanzo ma pur sempre abbastanza convenzionale, bensì in filastrocca, un genere tutto da riscoprire e far rivivere anche ai più adulti!

Laura B.S. · 22 ottobre 14

Un vero protagonista di questo libro è l’assurdità. Un assurdità che ci accompagna nella vita quotidiana, a cui siamo abituati, e la presenza della quale non percepiamo più.
L’autore rispetta rigorosamente rima e metrica, ma riesce ad esprimere tutti i sentimenti che vanno dal lirismo all’oscenità, dall’infantile gioco di parole alle questioni esistenziali.
Lo scarafaggio incredibilmente si trasforma dal singolare ad un innumerevole plurale, dal nome proprio alla terza persona senza turbare la logica del racconto.
“Lo so chi è la vera immagine di Dio…” è provocante ma simpatico.

Peter Berling · 19 novembre 14

particolare e interessante libro. lettura piacevole con molti spunti di riflessione

saraca lydia · 21 novembre 14

Ho letto questo libro con curiosità, indotta anche da un titolo inusuale, che
effettivamente riflette un contenuto molto originale. Il libro segue i modi di una filastrocca che tocca temi “da grandi”, ma sempre in leggerezza, con il suo sapore surreale diverte e fa pensare. Lieve e profondo allo stesso tempo, ricco di rimandi. Una lettura godibile, che ci fa provare sensazioni nuove.

Maria C.S. · 23 novembre 14

Ho letto questo libro in un fiato, essendo stata presa dalle piccole storie che autore ha chiamato a posta come filastrocche. Il libro mi ha lasciato senza parole e mi ha fatto pensare, pensare di tutto. Il contenuto del libro è davvero originale (a partire dal titolo), i ritmi delle filastrocche sono semplici e molto gradevoli. Avrei consigliato a tutti di leggere questo libro fantastico e apprezzare il grande talento del suo autore.

Alla R. · 3 dicembre 14

Un testo inconsueto, una lettura tutta d’un fiato, colti dal ritmo mosso dela filastrocca, genere solitamente destinato ai bambini. Eppure, quelle parole in versi e in rima rapiscono il cuore e la mente in una intelligente, spesso amara considerazione sulla vita. Vita e morte continuamente danzano nelle pagine, richiamando con ironia il lettore a non farsi troppe illusioni sulla vita e a non gonfiarsi di orgoglio vuoto. Le parole scaturiscono da una riflessione interiore, che a sua volta nasce nel silenzio. Insomma, un libro interessante per divertire, con leggerezza, ma anche far pensare, ritrovando se stessi.

silvia martelli · 9 aprile 16

Lette, assaporate una ad una, le rime di Leonid Fisenko mi hanno divertita, pungolata, rattristata, spinta alla riflessione con quel passo leggero, musicale, che riporta all’infanzia.
Ho regalato il libro a mio figlio per stuzzicarlo e sorprenderlo.

Alexandra · 29 aprile 16