Libri da scoprire

Ivo Tiberio Ginevra

Sicily Crime

La seconda inchiesta del commissario Falzone

pagine 448
euro 16,00
genere: Gialli | Thriller
pubblicato: 2012
ISBN 978-88-6740-053-9


leggi le prime pagine di questo libro
compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

Dopo il successo de Gli assassini di Cristo, tornano i poliziotti del commissariato di Scrafani in una nuova indagine che li vede alle prese con un crudele e spietato serial killer.
In Sicily crime non c’è il perfetto modo d’indagine supertecnologico alla CSI fatto di torce, pennellini, computer, polverine, che la televisione ci ha abituato a vedere.
Non ci sono poliziotti patinati, belli, tipici, colti, fighi o maledetti importati dall’America in prodotti da conio dozzinale.
In Sicily crime c’è la contrapposizione a tutto questo. Ci sono solo quattro coscienziosi sbirri siciliani con i loro problemi reali di uomini comuni, con nevrosi dettate da trasferimento, divorzio, malattie ecc.
Ma c’è ancora di più, tutto sembra serio, credibile, credibilissimo e fa ridere.

Ivo Tiberio Ginevra

Il vostro parere   » 1 «

(puoi aggiungere il tuo con il modulo qui sotto)

Dopo Gli assassini di Cristo, Ivo Tiberio Ginevra ritorna sul giallo insieme al commissario Falzone.

Recensire un giallo è sempre difficile, nel commentare si può rivelare qualcosa che deve essere tenuta ben nascosta al prossimo lettore per non rovinargli la lettura, e poiché il giallo di Ginevra presenta tutti gli aspetti classici di giallo di indagine non posso usare parole che possano indicare il colpevole o i colpevoli. Chi è stanco dei commissari televisivi ben laccati delle serie TV e delle superscientifiche analisi troverà in questo giallo un modo per disintossicarsi. La polizia di Scrafani (quasi immaginaria città della Sicilia) vive come permanentemente “sparata”, nel suo parlare, nel suo sentire, nel suo operare; ad una società “sparata” non può che corrispondere una polizia “sparata”. In questa società, purtroppo verosimile, che ogni giorno mangia pezzi di se stessa, il caso d’inchiesta per il commissario Falzone questa volta è il cannibalismo. Il commissario Falzone naviga tra malesseri familiari, malesseri fisici e tra i diversi esasperati caratteri di colleghi e superiori, e con continui dubbi … riposa solo ogni tanto in qualche antica memoria. Con tratto satirico si alternano nell’analisi della scena del crimine e in quella del possibile carattere del cannibale criminologi e antropologi di fama; sono in campo tutti gli strumenti di indagine scientifica e fantomatiche apparecchiature venute appositamente dagli USA; e il tutto avanza fino al punto più esilarante della ricerca della prova. Il libro si legge con un ritmo veloce e si può ridere sopra gli stessi eventi drammatici; dramma e paradosso della comicità vanno in crescendo pur restando avvolte nel mistero del giallo. Si fa per ridere, e il ridere è un tentativo per evitare di annegare nella sofferenza e cercare di capirci qualcosa.
26/01/13 francesco zaffuto

Francesco Zaffuto · 25 gennaio 13