VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitrice newsletter del 6 aprile 2012

 

Partii per una punk road in Cina, tutta colpa del mio ex: un vero desperado, una sorta di Brontolo, mezza Italia di traverso, forse perché fa parte della categoria dei poliziotti, poveri cristi. Sumino ‘o falco, il portiere del condominio, mi salutò augurandomi una vita a tutto gas. Ma la mia macchina invece morì poco dopo e l’abbandonai presso il cimitero delle macchine. Al Gran Caffè Cirenaica mi procurai un passaggio su una nave mercantile. Già m’immaginavo come una Teti in mare diretta verso la stella del mattino. Il sognatore partorisce i figli della mente e ne basterebbero la metà del doppio per riempirne una vita. Ma nella mia c’era ancora abbastanza posto. Fautrice dell’istruzione popolare e i libri, per il viaggio mi ero portata solo gialli: Mary Lester e l’assassino pieno di errori, Roma noir 2011, Numero perfetto per l’assassino. In tre giorni li finii e non mi restò che osservare gli altri passeggeri. C’era la donnina sfatta simile a la bambola di pezza di Oz, poi la badante di Bucarest, con la paziente relativa, sulle tracce di un miracoloso agopuntore e infine un entomologo: il collezionista di ali di farfalle. Jonion, il capitano, ci allietava con racconti degni delle avventure del barone di Munchhausen. Il cuoco di bordo doveva aver preso le sue ricette dalle Memorie di un cuoco di un bordello spaziale: solo per alieni. Ci fu una rivolta, ma lui si barricò in cucina issando il cartello Work in Progress. I ribelli dovettero rassegnarsi a mangiare pesce crudo che, nell’Egeo, pareva grondare il sangue degli Atridi. Arrivata a destinazione, ho visto cose che non potreste immaginare. La rondine di cristallo volare foriera di messaggi di morte. Una città sfavillante come la città di Smeraldo di Oz. Ho scoperto il rapporto tra l’uomo e le scimie. Beh, adesso devo andare: il cargo carico di Yucca 4CH sta per salpare e non voglio perderlo. Il resto della storia? Appena torno lo metto sul mio blog: illibrodellefavole.com così potrete leggerlo.