VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitori Luglio 2003

 

Manu

Era importante essere puntuali. Non interessava il luogo, bastava essere insieme in un posto qualunque all’ora indicata, nessuna domanda, parole sconnesse, parole parole. Ma accadeva sempre piu’ raramente, finchè ognuno ha deciso di fare da sé, io ho trovato un lavoro e lui si è messo a fare il vagabondo in Italia. L’ho incontrato ieri al tabaccaio della stazione, ho dimenticato perché tra di noi si era tutto allentato, gli incontri, le telefonate, fino al silenzio. La chiamavamo Pluto, la nostra isola mentale, che il sole nasceva in un posto qualunque ma sempre alla stessa ora, era l’alba di plutone, l’unione delle menti, patetici ricordi scaduti in un’estate. Ha comprato tabacco e un accendino arancione. Se ne è andato senza neanche guardarmi, con venti centesimi in mano.

 

Cesare Bianco

Selim

“Dove ci dobbiamo incontrare?”.
“In un posto qualunque all’ora indicata. Il paese è piccolo, ti troverà lui. Ti ho descritto bene, saprà riconoscerti”.
“Chi devo ammazzare?”.
“Nessuna domanda. Ti spiegherà tutto l’intermediario”.
Vagabondo in Italia da due anni, Selim aveva provato di tutto per sopravvivere, ma non gliene era andata bene una. Non ce la faceva più. Ora forse era giunta la sua grande occasione.
Alle undici del giorno seguente incontrò la persona.
“Sono 25.000 Euro. Hai risolto i tuoi problemi. L’alba di Plutone non deve più sorgere”.
“Chi è questo Plutone?”.
“Un sindacalista. Ci rompe i coglioni”.
Selim sentì un groppo allo stomaco. Aveva pensato ad altri.
“Non uccido un dindacalista”, borbottò a voce bassa.
“Cos’hai detto?”.
“Non se ne fa niente. Non uccido un sindacalista”, rispose deciso.
“Attento. Se ti tiri indietro, verrai ucciso tu. Ormai sai troppe cose”.
“Non uccido un sindacalista”.
Si allontanò di corsa, lasciando di stucco l’intermediario. Lo cercarono a lungo, ma non riuscirono a trovarlo.
Selim era andato a vagabondare in un paese lontano.