Robin&sons

Luigi Lenti

Vincitori e vinti

Il Processo di Norimberga tra storia e cinema

pagine 256
euro 19,00
genere: Saggi
pubblicato: 2019
ISBN 9788872745243


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

“Il caso è insolito in quanto tutti gli imputati sono accusati di reati commessi in nome della legge. Questi uomini, insieme ai loro defunti o latitanti colleghi, rappresentano ciò che veniva gabellato per giustizia durante il Terzo Reich. Gli imputati operavano da giudici durante il periodo del Terzo Reich. Pertanto voi, signori giudici, sedete in questo tribunale per giudicare altri giudici che siedono al banco degli imputati. Ed è giusto che sia così poiché solo un giudice sa quanto un tribunale sia più dell’aula in cui egli siede. Sia in prassi che in spirito è la Casa della Legge. Gli imputati sapevano tutto questo, conoscevano le aule di tribunale, sedevano nelle loro toghe nere, distorcevano, prevaricavano, distruggendo la giustizia e la legge della Germania. Questo è di per se stesso indubbiamente un grave crimine, ma la pubblica accusa non chiama gli imputati a rispondere di violazione delle garanzie costituzionali, né di intralcio alla dovuta prassi legale. La pubblica accusa li chiama a rispondere di omicidi, brutalità, torture, atrocità. Essi condividono con tutti i capi del Terzo Reich, la responsabilità dei più feroci, dei più calcolati, dei più disastrosi crimini nella storia dell’umanità. Ed essi sono forse più colpevoli di molti altri poiché erano uomini maturi molto prima che Hitler arrivasse al potere. Le loro menti non erano distorte in gioventù dalla dottrina nazista. Essi abbracciarono l’ideologia del Terzo Reich quando erano già adulti e consapevoli, quando più di ogni altra cosa, dovevano venerare la giustizia. E qui essi riceveranno quella giustizia che negarono ad altri. Saranno giudicati secondo le prove presentate in questo tribunale, l’accusa non chiede nulla di più”.
Dichiarazione di apertura del Colonnello Tad Lawson

Penso che ci sia qualcosa di tremendamente sbagliato in tutti i miei film, quindi è difficile per me menzionarne uno preferito. Credo però che ci siano alcune cose positive in Vincitori e vinti. Le idee che sviluppa sono molto importanti per me. L’intero tema del film, l’unica idea che sta dietro la sua realizzazione è affermata da Spencer Tracy verso la fine del film: “Questi sono i principi che sosteniamo: Giustizia, Verità e Valore di ogni singolo essere umano”. In un certo senso è un riassunto del mio lavoro, e mi piace pensare che i miei film incoraggino a riflettere.
Stanley Kramer

Luigi Lenti