VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore Settembre 2007

 

Carlo Bianco

Avevo una vita tranquilla, qualche problema, nulla di grave. Ma a complicare le cose ci pensò una certa Magda, a metà gennaio. “So tutto di te”, mi scrisse con una e-mail, e continuò: “Svelerò con un racconto il mistero della Medusa turchina e la verità sulla morte del piccolo giudice, e tu ci sei dentro”.
Era un invernodalupo, la fine dei giorni freddi e nebbiosi era ancora lontana, i cavalli del sole non avevano ancora messo il muso fuori dalla stella.
Magda e il Mein Kampf (così chiamavo il suo libretto pieno di accuse nei miei confronti) erano un incubo costante, e stava per essere pubblicato.
Il Grande Gioco dell’Oca della politica italiana era poca cosa al confronto di quello in cui stavo per essere coinvolto. Raccattai sul pavimento il libro “Caro PCI”, rilessi il
cap. 7° di “Marpalò e l’assassinio nella città murata” (proprio quello che faceva al
caso mio), presi in fondo al cassetto i travelshek, o come cavolo si chiamano.
La 1° volta che avevo tentato, invano, di eliminare qualcuno era stato 5 anni prima: sbagliai la mira ed il gatto miagolante continuò a vivere, felicemente.
Ma La seconda volta del diavolo era arrivata.
“Delitto in casa Yourcenar. – si poteva leggere due giorni dopo sul Corriere – Trovata uccisa donna di nome Magda. Un libro, “Il caso del doppio Beatle”, intriso di sangue trovato vicino al cadavere. L’uccisore di ombre ha colpito ancora, morte misteriosa.” “Morte di una befana” commentai io e tornai alla mia vita tranquilla, qualche
problema, nulla di grave.