VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore Novembre 2005

 

Silvia Ancordi

Amicizia fraintesa

Alida bella, seducente e ancor più intelligente, dopo un anno, non era per nulla convinta del l’alibi di Kagemusha. La polizia aveva archiviato il caso ma lei non si dava pace: voleva giustizia per quello scempio. Lui aveva detto di essere fuori città la sera del crimine ma lei ricordava di aver ricevuto una telefonata dal suo ufficio, quello stesso pomeriggio. Due mesi dopo l’omicidio, andarono a cena. Ricordava perfettamente che, mentre tagliava il margine sugli ossibuchi che odiava, nel ristorante le note del tango d’oriente riempivano l’aria. Kagemusha raccontava di una bizzarra leggenda idiana: 69 cose da fare a una principessa morta. Quella sera non diede peso al racconto, ma ora, aveva capito: ad uccidere la sua amica era stato lui. Tutto era improvvisamente così chiaro. Il sapore acre della notte portò alla sua mente l’immagine di quando fu chiamata per il riconoscimento: Rachele blu per i lividi sul volto, stesa sul tavolo dell’obitorio. Ecco chi era la principessa di Kagemusha! Alida, forse, era in pericolo di vita. Si accese una sigaretta. Non sapeva della loro storia. Tanto meno immaginava che Rachele si fosse innamorata di lei. Mai avrebbe sospettato di essere lei la causa di quell’omicidio. Il castello scarlatto pareva più una prigione stregata, e Alida restò lì, nascosta nel l’ombra della notte, a pensare e ricordare di un’amicizia fraintesa mentre a letto, il suo uomo l’aspettava.