VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore newsletter del 16 gennaio 2014

 

Seduto alla sua scrivania Mr. Robin sfoglia le nuove uscite del proprio catalogo. «Io sarò un best seller, lo so» esclama Il gatto di via Depretis e altre storie noir. «Figuriamoci! Tu sei solo un micio spelacchiato» ribatte Io odio, scontroso come sempre. «Io, almeno 45 copie spero di venderle» sussurra Viaggio a Creta, confidando nel suo sottotitolo. Mr. Robin tentenna il capo. «Spererei qualcuna di più, vorrei fare le vacanze natalizie alle Maldive.» «È più probabile una grotta tra le montagne» lo sbeffeggia Eremi dispersi. «Ma no! E poi a fantasticare non si sbaglia mai» lo contraddice Indagine sul sogno. «Altro che fantasticare!» sbotta allora Mr. Robin, «tu, per esempio, Aurora notturna? Conti di arrivare alle centomila copie?» L’interessata arrossisce. «Non fare affidamento su di lei» s’intromette La storia è dall’altro lato della strada. «L’editor l’ha lasciata piena di refusi» conferma La scuola possibile. Mr. Robin sussulta: gli errori di stampa sono il suo incubo perenne. Il mio amore proibito si sporge in modo seducente. «Lascia perdere questi pezzenti! Io sarò il tuo caso letterario.» «I romance in effetti vendono sempre bene» annuisce Due donne… un solo destino. «Battersi con loro è una sfida persa in partenza» concorda Lotta ad armi impari. Mr. Robin sospira e afferra i successivi quattro volumi. «E voi, quanto contate di vendere?» «Qui, moi? Je ne comprends pas» risponde Le avventure di Mademoiselle de Maupin. «Sorry! Me too» aggiunge Colloquio sull’America. «Mah, io non so nemmeno come mi chiamo…» borbotta Senza titolo. «E io sono muto come una tomba» biascica La tomba di Hélios. Mr. Robin si abbandona sulla scrivania e scoppia a piangere. I libri gli si fanno a attorno. «Il punto è che non diventi ricco facendo l’editore» lo consola Terza visione. «Invece, datti alla delinquenza» consiglia Hai appena applaudito un criminale. «O cercati una donna… o un uomo» suggerisce Strani amori. «Prova il giardinaggio» propone L’albero. «Diventa prestigiatore» aggiunge Abracadabra e altre satire. «Canta che ti passa» grida Li abbiamo fatti cantare. Infine, Le storie di ovunque si chiude di botto. «Ma non smettere mai di credere in noi.» Mr. Robin apre gli occhi. No, nelle storie non smetterà di crederci mai.