VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore newsletter 01/08

 

Rotolandosi sul divano
di Fabio Vaccari

All’ alba del terzo giorno il cavaliere Superbo Palato si svegliò sul divano e urlando gridò: “Esperia! Mi fa male la milza” mostrando un evidente diastema tra i denti incisivi.
Da una parte della barricata nascosta tra le mura della cucina la donna cercava di pensare un modo per calmare il cavaliere.
“Suvvia, non si disperi. Si ricordi che nei miei ‘70 ho avuto problemi ben più gravi.” disse guardando fuori il ventre di Pompei ancora addormentato.
“Mi ricordo la volta che dovetti portare in tintoria il cappotto di cammello di Giovanni Agnelli con la febbre alta e una figlia piccola a casa da accudire. Quelli si che erano problemi” continuò tornando in salotto. “Ovviamente non mi potevo rifiutare altrimenti mi avrebbero licenziata”.
“Mah sarà...” brontolò il padrone arrotolandosi sempre di più dentro una coperta.
“Che ne direbbe di uscire a fare due passi, le farebbero bene” continuò la governante.
“Forse più tardi. A che ora è l’ultima messa della giornata?”
“Alle sette”
“Vedremo… Mi dica il cammino di Hadas come procede?” mostrando un evidente fastidio all’addome.
“Bene cavaliere, domani ha la serata finale del premio Roma Noir 2007. Ha buone probabilità di vincere.”
“Come si chiama la sua opera?”
“La leggenda del fiore della memoria. Il protagonista si chiama Memo e il delitto di cui parla si svolge vicino ad Ascoli.”
“E’ un bravo ragazzo ce la farà” disse coricandosi. “Prima di uscire per la spesa mi svegli, voglio chiamarlo per incoraggiarlo per la finale.”
“Va bene cavaliere” rispose la governante spegnendo la luce e uscendo dalla stanza.