VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore Giugno 2004

 

Anya

Stavolta, niente o nessuno avrebbe potuto ancora oscurare le dodici stelle sull’oceano. Da quando i loro nomi erano trapelati sui giornali – l’ennesimo buco nel sistema di sicurezza internazionale – la caccia per individuarne l’esatta ubicazione s’era mai fermata, giorno e notte. Una rivista tra le tante allegò un opuscoletto “Cronache, ufficiali, di due spie italiane”, secondo il quale queste altri erano che dodici ballerine ormai attempate che vivevano in una torre semidivelta nell’isola di Berg, in pieno emisfero occidentale, con la sola compagnia degli elefanti marini che amoreggiavano sugli scogli.
Chi poté permetterselo e fidandosi troppo del lato “ufficiale” della pubblicazione, s’avventurò di mare in mare, con gli occhi pressoché costantemente a mezza altezza tra il cielo e le acque.
Un miliardario sudamericano, Rosso Brasile, annoiato dalla natura più tanto incontaminata della sua fetta di foresta e in attesa che asciugassero, infine, gli spartiti appena giunti da New York ma già pregni di quell’umidità acidula, promise un premio astronomico a chi gliene avesse portato una, sia viva che morta.
In una località segreta tra le montagne d’Atlante si tenne un incontro denominato in codice “gli assassini del karma” per discutere soluzioni e tempi d’intervento, atto a bloccare ogni possibile ritrovamento, la conseguente fuga di notizie.
Ogni mezzo sarebbe stato tentato, dal cielo e da terra. Una guerra giusta, e Dio sarebbe stato al loro fianco.