VinciRobin

Il concorso

A chi manderà il racconto breve (max 20 righe) contenente al suo interno tutti i titoli dei libri annunciati nella nostra newsletter, e che risulterà essere il preferito dalla redazione, invieremo una copia di ognuno dei suddetti libri (tutte le spese sono a nostro carico).

Per partecipare devi avere ricevuto almeno una Newsletter, per cui affrettati a iscriverti cliccando qui oppure utilizzando il link che trovi sulla Home Page del sito.

L'indirizzo email al quale inviare il testo del vostro racconto è


Vincitore Gennaio 2006

 

Oscar Vidades

Davanti alla morte, pari opportunità

I quattro cadaveri appesi al soffitto uno accanto all’altro contrastavano con il cumulo di spazzatura che li circondava e sul quale, sotto le luci dei nostri riflettori, gettavano ombre asimmetriche. Erano vestiti con eleganza, gli abiti puliti e ben stirati, senza alcun documento di identificazione. Unico indizio, la tasca destra della giacca di ciascuno di loro conteneva una cartolina con l’immagine di un fiume, la didascalia diceva: “Rìo Namoro, Provincia di Cajamarca, Perù”. «Hai notato», fa uno degli agenti, «che Rio Namoro al contrario vien fuori “O Roma Noir”, che si adatta perfettamente alla situazione, noh?». «Uno come te fare il poliziotto è sprecato…», dice l’altro senza neanche guardarlo. «È per questo che mi son rimesso a studiare, sai, voglio fare il farmacista… taci che domani ho l’esame di biologia e devo ancora ripassare il limite di Hayflick, mi tocca svegliarmi all’alba, che ho la macchina dal meccanico e devo prendere il treno per venire in Facoltà e oggi il viaggiatore di seconda classe non trova mai posto a sedere, sempre pieno di pendolari alienati come te che riemergono dalla periferia romana, ti viene una tristezza…». «Signori, un po’ di silenzio e cerchiamo di lavorare per cortesia», disse forte una voce femminile. «E questa che cazzo vuole?», sussurra l’agente. E l’altro, «Zitto che è il nuovo capo, il commissario Tartufaia». «Ma… è una donna». «Appunto, coglione, è il commissario Nella Tartufaia, e fai attenzione a quello che dici…» Il commissario avvicinandosi si rivolge proprio a loro due, «Chi ha trovato i corpi?». «Una guardia notturna dell’Agenzia Striges, verso le dieci», fa uno degli agenti. «Agenzia Striges? Mai sentita… è nuova?». «Sì, commissario, è una nuova agenzia di sicurezza, con… personale esclusivamente femminile, dalla direzione alle guardie» «Tutte donne?..», fa il commissario, «se fossi in voi comincerei a preoccuparmi, signori agenti».