Biblioteca del Vascello

Guillaume Apollinaire

Tenero come il ricordo


pagine 384
euro 18,50
genere: Autobiografia
pubblicato: 2019
ISBN 9788872744727


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

Il 1° gennaio 1915 Guillaume Apollinaire conobbe in treno, mentre andava a raggiungere il suo reggimento a Nîmes, la giovane insegnante di liceo di Orano Madeleine Pagès. Presto quel breve incontro doveva trasformarsi, grazie alla “magia della scrittura”, in un romanzo di seduzione e d’amore. Apollinaire rivide Madeleine una sola volta, a Orano, durante una licenza dal fronte, alla fine del 1915; ma le sue lettere alla “fidanzata di guerra” (quelle di lei sono andate perdute) rivelano in entrambi un sentimento intenso, esaltato, ispirato alla ricerca di un assoluto nell’eros e nell’esistenza. Poi, nel marzo 1916, la ferita di una scheggia di obice alla testa, e la rinuncia enigmatica del poeta a Madeleine. Le lettere sono anche uno straordinario diario di guerra, con “i poveri fanti che muoiono come mosche” e “l’orrore tragico, atroce, oscuro del corpo a corpo infernale nelle trincee, nei cunicoli, nei crateri”; e intanto, attraverso i resoconti frammentari, filtrano gli umori segreti, le idee estetiche, i progetti letterari degli anni in cui Apollinaire elaborava la nuova poesia dei Calligrammes. Una testimonianza autobiografica preziosa sull’esperienza del poeta e il suo tempo.
A cura di Angelo Mainardi
Guillaume Apollinaire

Rassegna stampa

“Tenero come il ricordo non è solo un dettagliato diario della Prima guerra mondiale e una stroia d’amore nabokoviana, ma è anche l’officina dei Calligrammes in progress e un manuale su come fare versi, dove sfilano giudizi sui classici come Laclos, Scott, Baudelaire, Milton, Dante, Claudel, con vere e proprie lezioni sulla sua raccolta di poesie Alcools …”
Il Venerdì di Repubblica – Renzo Paris

“Restituisce umori, gusti, impressioni, sentimenti, propositi segreti dell’autore, a cominciare dalla confessione degli amori passati più laceranti, come quello per Marie Laurencin.”
Il Fatto Quotidiano