Robin&sons

Andrea B. Nardi

Non c’è ombra in South Dakota


pagine 288
euro 15,00
genere: un romanzo
pubblicato: 2017
ISBN 9788872741306


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

«La prateria logora i sogni. Potrebbe contenerne un numero gigantesco, invece alla fine il vento te li sparpaglia, li straccia, e tu resti lì seduto sulla tua sedia a dondolo, o in sella al cavallo, fermo a guardare laggiù in fondo, calmo, senza preoccuparti più di niente.»

Tra sbuffi di vapore e crepitare di carbone, l’America di fine Ottocento galoppa sfrenata verso il nuovo secolo. Il tempo del progresso vola rapido e chi vuole cavalcarlo deve affrettarsi così tanto da rischiare di dimenticare le cose più importanti. Ma nel verde mare della Grande Prateria occidentale c’è un’isola in cui l’orologio si è cristallizzato, un posto dove ciò che conta si misura con un metro diverso, dove la vita, strappata alla morte giorno per giorno, forse può davvero avere un significato: La Calahorra.
È possibile vivere fuori dal proprio tempo, nella speranza di afferrare qualcosa di più puro? Con un cavallo sotto di sé e due cani al fianco, un ragazzo sfiderà l’immensità senz’ombra e senza bussola della prateria, alla ricerca del proprio sentiero e della propria meta, in un mondo che sembra ormai pronto, in nome del denaro, a dimenticare cosa voglia dire essere umani.
Andrea B. Nardi

Rassegna stampa

“Ho 54 anni e scrivo da parecchio. Ho pubblicato romanzi, saggi, sceneggiature, articoli giornalistici. Ho cominciato a scrivere poiché non sono capace a disegnare, infatti spero sempre che i miei romanzi possano diventare anche delle graphic-novel, e a questo punto anche adesso con il nuovo, che tra l’altro è stato tradotto in inglese e verrà pubblicato anche negli Stati Uniti.”
Recensioni Libri
Leggi tutta l’intervista

“Le prefazioni e le postfazioni ai libri non servono; un critico italiano diceva che i libri dovrebbero giungere al lettore senza nulla, non una dedica, non un ringraziamento, non uno strillo, intonsa persino la copertina. Alla Landolfi. A meno che l’autore, dopo Ecce Deus (Impero Romano) e Ali (moderno western sideral-teologico), non scriva il suo non-western e Enzo G. Castellari non lo legga e si chieda: ma dove ti sei nascosto in questi trascorsi decenni?”
La poesia e lo spirito
Leggi tutta la recensione

“…un romanzo propriamente western, ma da intendersi in senso stretto e realista, nel senso che la sua trama si dipana in un’autentica ambientazione western, con rancheros, pistoleri, pionieri, indiani, fuorilegge e sceriffi, ma in senso realistico, con l’intenzione di narrarci com’era effettivamente la vita nella Frontiera americana del XIX secolo.”
FarWest.it
Leggi tutta la recensione


Hai letto questo libro? Scrivi la tua breve recensione


(sarà nascosta)

(opzionale)


I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.