Biblioteca

Leila Mascano Tadino

Le avventure di Mademoiselle de Maupin


pagine 432
euro 16,00
genere: Narrativa italiana
pubblicato: 2013
ISBN 978-88-6740-232-8


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

““Madeleine o Théodore io son io, e tu, mercante, vescovo o re sei il mio amore, e mi stai facendo morire.”

“Mademoiselle de Maupin nasce dal desiderio di giocare: con i classici, con i miti dell’infanzia (nel mio caso Peter Pan), e soprattutto con un affascinante binomio: Amore e Morte. È nato come una grande, divertita fantasticheria, che all’inizio doveva essere un gioco della fantasia e basta, e riguardare solo me… poi è accaduto che il gioco mi abbia preso la mano, Madeleine vita propria e intorno a lei tutta una serie di personaggi vivaci, con la loro storia da raccontare, finché non mi sono resa conto che il viaggio iniziatico di Madeleine somigliava molto a una metafora della vita, e che la mia libertina passava come Peter Pan meravigliosamente intatta attraverso le sue avventure, alla ricerca della propria, personalissima Isola-che-non-c’è. La lasciamo senza sapere se Alcibiade le aprirà i cancelli del suo castello e del suo cuore, ma con la consapevolezza che nel suo fantastico peregrinare c’è qualcosa che ci riguarda tutti… la ricerca appassionata, contraddittoria di quel qualcosa che ci potrà far dire, come il poeta: Confesso che ho vissuto.”
L’autrice

Leila Mascano Tadino

 

Interviste

D: Ti va di raccontarci il tuo ultimo lavoro?
R: Le avventure di Mademoiselle de Maupin, il celebre romanzo di Gautier rivisitato in sogno, tra amore, eros, avventure e tanta voglia di rompere tutti gli schemi e scrivere una storia avvincente dove spesso francamente si ride e qualche volta chissà… Io l’ho letto all’infinito per i vari editing eccetera, eppure io stessa ogni volta sono rimasta sorpresa di aver tirato fuori dal cappello a cilindro una storia come questa.
VareseNoir
Leggi tutta l’intervista


Il vostro parere   » 2 «

(puoi aggiungere il tuo con il modulo qui sotto)

Novella Shererazade,Leila Mascano Tadino c’incanta con le sue fiabe colorate da un sottile ,elegante erotismo che tiene desta la nostra attenzione per oltre quattrocento pagine di piacevolissima lettura. Il suo dire forbito, l’abbondanza di citazioni storico-artistiche, l’arguto umorismo, la malcelata sensualità che sprigiona la sua inquieta quanto dolce protagonista, fanno di questo romanzo un tesoro di inesauribile fantasia, un tripudio di suoni e colori che, come per magia si materializzano in immagini quasi reali. Tale è la maestria dell’autrice nel descrivere ambienti e situazioni che ci invogliano a tornare bambini per godere, come Peter Pan, di un’eterna, gioviale fanciullezza, nei giochi innocenti di un’atmosfera irreale, scevra da ogni senso di colpa, gravida di un amore gioioso e ilare, quasi che il lettore, trascinato, suo malgrado, in quest’atmosfera onirica, abbia trovato davvero la strada giusta per raggiungere finalmente la sua agognata “Isola che non c’è”. Dino Licci

Dino Licci · 21 ottobre 13

Letto d’un fiato, come si conviene al ritmo di una cavalcata surreale e fantastica fra paesaggi di pittori fiamminghi e impressionisti, ricca di colpi di scena talvolta esilaranti, altre riflessive spaziando fra il drammatico, il tragicomico e il passionale, con stile moderno e antico, effervescente e colto. Nel sottofondo, la colonna sonora di un menestrello ispanico da telenovela… Uncy corsaro gentiluomo, Peter Pan eterno ragazzo, personaggi storico-burleschi, una ciurma variopinta di ogni specie animale alle prese coi passatempi più strampalati, fanno di queste avventure un felicissimo insieme di invenzioni ironiche e sornione, eleganti e piperite. Ce n’é per tutti i gusti! Complimenti davvero, divertimento assicurato con sprazzi di filessioni profonde sull’amore e l’esistenza.

Piero Boi · 26 ottobre 13