Robin&sons

Emanuele La Rosa

Dada? Una pazzia criminale!

Ricezione e sviluppi dell’antiavanguardia in Italia (1916-1945)

pagine 208
euro 15,00
genere: un saggio
pubblicato: 2018
ISBN 9788872741870


compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

Attraverso la riproposizione di un cospicuo numero di articoli apparsi su giornali e riviste tra il 1916 e il 1945 il presente volume intende fornire per la prima volta un’ampia testimonianza della ricezione e dell’interesse nutrito in Italia, patria del Futurismo, per il movimento Dada. I testi, in larga parte non più ripresentati dopo la prima pubblicazione, recano la firma di alcuni dei più significativi personaggi del panorama culturale italiano del primo Novecento (tra gli altri Riccardo Bacchelli, Francesco Flora, Margherita Sarfatti e Alberto Savinio) e spesso si rivelano essere dei feroci attacchi nei confronti dell’anti-estetica dadaista e del leader del movimento Tristan Tzara, non di rado etichettato come «rumeno», «tisico» ed «ebreo».
Una intera sezione è dedicata inoltre alla breve ma intensa parabola del movimento Dada italiano, animato a Mantova dagli artisti Aldo Fiozzi e Gino Cantarelli e a Roma da un giovane Julius Evola, non ancora votatosi alle teorie della razza.
Emanuele La Rosa

Rassegna stampa

“—-esce un utile studio di Emanuele La Rosa, che ripercorre gli episodi principali della ricezione del movimento in Italia dal 1916 al 1945. Tra i tanti articoli apparsi su giornali e riviste in qeull’arco di tempo, firmati tra gli altri da Riccardo Bacchelli, Margherita Sarfatti e Alberto Savinio…”
Il Giornale dell’Arte
Leggi tutta la recensione