Libri da scoprire

Luciano Tirinnanzi

Crepi quel lupo!

Come sopravvivere al capo quando si è giovani e precari

pagine 304
euro 14,00
genere: Narrativa italiana
pubblicato: 2013
ISBN 978-88-6740-150-5


leggi le prime pagine di questo libro
compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

Sono le sette di sera a Roma quando alla redazione del Messaggero della Tv arriva una telefonata. “Speriamo non sia il boss”, pensa Claudio Stellari, giovane redattore d’insuccesso, mentre alza la cornetta. Invece è proprio il capo, che lo chiama solo per insultarlo, come fa di solito. Ma quella sarà l’ultima volta, ha giurato Claudio. I coltelli sono già affilati e lui adesso desidera solo ucciderlo.
Inizia da qui il racconto della prima esperienza lavorativa dell’ingenuo Claudio Stellari, anni 25, di professione aspirante giornalista. Dopo aver scoperto il terribile segreto che si cela dietro la casa editrice per cui lavora, un episodio improvviso sta per fare di lui un violento assassino.
Una narrazione ironica e spietata del mondo del lavoro di oggi, in un susseguirsi di situazioni tanto surreali quanto comiche, dove i sogni e le speranze di un’intera generazione si scontrano con una realtà precaria e brutale.

Luciano Tirinnanzi

Booktrailer

 

Recensioni

“Tirinnanzi racconta con piglio ironico e spietato il mondo del lavoro, dove le speranze di una generazione si scontrano con la precarietà.”
Corriere della Sera

“Crepi quel lupo! è una black comedy al tempo stesso paradossale e realistica. Perché è impossibile non rivedersi nella vicenda di Claudio Stellari, arrivato come tanti a Roma col sogno di sfondare nel giornalismo e ritrovatosi, invece, a contatto con un mondo dove mediocrità e meschinità sono le doti più preziose.”
Carlantonio Solimene – Il Tempo
Leggi tutta la recensione

“Pur di fare qualcosa ci si adatta alle vessazioni di un datore di lavoro mascalzone, agli stipendi che saltano, all’angoscia che ti avvelena la vita e gli affetti. Fino a che tutto non sprofonda in un incubo talmente ottocentesco, che l’unica via d’uscita sembra provenire direttamente dall’horror alla Edgar Allan Poe.”
Il Foglio

Interviste

“Il libro ha un taglio tragicomico e nessun intento letterario, offre una istantanea della nostra generazione alle prese con un mondo del lavoro dove non c’è più né rispetto né dignità: perché il problema è la dignità del lavoro altro che la flessibilità.”
Simona De Santis – Corrieredellasera.it
Leggi tutta l’intervista