Biblioteca

Leila Mascano Tadino

Fammi ridere

Paesaggio napoletano con figure in dissolvenza

pagine 432
euro 15,00
genere: Narrativa italiana
pubblicato: 2008
ISBN 978-88-7371-396-8


mascano_bib_200.jpg
leggi le prime pagine di questo libro
compra questo libro sul sito 365bookmark

Il libro

Federica è una bambina vivace e molto acuta. A Napoli, negli anni ’50, la sua infanzia in una famiglia benestante sembra dorata. Il mondo che la circonda è fatto di adulti e lei, dotata di una intelligenza precoce e di una curiosità che le fa osservare e recepire tutto quello che la circonda – anche ciò che i grandi vorrebbero tenerle nascosto – cresce in fretta. I genitori sono poco presenti, tenuti lontani dalla città dagli impegni di lavoro del padre ingegnere. Così Federica cresce con le educatrici, la servitù di casa e più di tutti il cugino Pietro, un giovanotto di undici anni più grande di lei, adorato da tutti per la sua irresistibile bellezza e il suo equilibrio. Il legame tra loro è fraterno, ma qualcosa cambia quando Federica compie dodici anni e il suo corpo, esile e ancora infantile, racchiude d’un tratto il cuore di una ragazza, forse innamorata del bel giovane, ormai uomo, col quale è cresciuta.
Pietro vorrebbe negare, prima di tutto a se stesso, quello che anche lui sente e desidera, ma non gli è possibile a lungo. Abbandonandosi a quel sentimento, i due ragazzi diventano custodi di un segreto che non può essere rivelato, pena uno scandalo che sconvolgerebbe le loro famiglie e la loro vita.

“Fammi ridere” racconta con delicatezza ma senza filtri, come non ve ne sono per i bambini, i misteri dell’infanzia e dell’amore negati da un mondo di regole troppo adulte che contraddicono la sconvolgente ingovernabilità della passione.

Leila Mascano Tadino


Il vostro parere   » 1 «

(puoi aggiungere il tuo con il modulo qui sotto)

Nuova edizione, nuova copertina, e la “picciré” ci manda gli occhi attorno a un lampadario di cristallo, prezioso, iridiscente di parole, ricordi, sentimenti unici nel tempo! Che Leila Mascano possedesse un bagaglio culturale risonante di tesori, lo sapevo già, che la scrittrice mi stupisse, ancora, ri-leggendo “Fammi ridere”, anche.
Che questo libro vada letto lo consiglio ora – in ritardo? No – l’attualità della scrittrice si rafforza con la curiosità che spinge un lettore in Internet!
Che il vento della rosa spinga l’autrice verso nuovi lidi, meritati riconoscimenti sempre più gratificanti, allora – questo il mio augurio profumato dall’arrivo dell’estate, a una Lady ispiratrice, un’amica generosa.

frank spada · 30 maggio 10